Babbo Natale e le sue renne – Gelo al Caffè

Babbo Natale e le sue renne – Gelo al Caffè

Quando ero bambina, al Natale ci si preparava per tempo.

Canzoncine, poesie, rappresentazioni brevi ma incisive di tutti noi piccoli.

L’esistenza di Babbo Natale non era neppure lontanamente messa in discussione, il 24 sera arrivava lui, in persona!babbo natale e le sue renne

Un rintocco della campana dietro casa ed eccolo comparire dal buio del giardino, una sagoma china contro le luci del viale. Trascinava a fatica la sua slitta carica di doni. Chissà dove aveva posteggiato le renne…. in quei momenti non ce lo siamo mai chiesto.

L’importante era averlo lì, in carne (e che carne) e ossa.

Noi lo aspettavamo, praticamente chiusi a chiave, in camera di Guido.

Una volta arrivato sotto il portico, potevamo finalmente uscire per accoglierlo e farlo sedere in salotto.

Indifferenti alla sua fatica, gli facevamo subire anche la nostra rappresentazione artistica.

Poesie smozzicate, filastrocche stonate, mani sudate…

Babbo Natale, seduto in poltrona, annuiva bonario sorseggiando champagne e gustando i canapé (quelli erano gli anni dei canapé) che gli venivano serviti.

Non toglieva mai i guanti bianchi.

Poi arrivava il momento topico! La distribuzione dei doni, con commento.

Oh, ce n’era per tutti.

Sapeva quel che avevamo combinato, a scuola e fuori, quel diavolo d’un Babbo Natale.

E l’anno che Guido non ricevette nessun regalo perché si succhiava il pollice? Smise di farlo da quella notte ma che crudeltà!! Finita la consegna dei regali c’era una tale confusione che nessuno faceva più caso alla presenza di Babbo Natale tra noi.

Che così poteva dileguarsi nella notte. Tornava dalle sue renne affamate e assetate, con la slitta pronta per essere ricolmata di nuovi doni, da consegnare ad un altro indirizzo.

Ora che siamo tutti cresciuti, vogliamo pensare a queste povere renne?

Facciamo che Babbo Natale per un giro sta a dieta, tanto lui trova sempre qualche cosa da sgranocchiare, un cioccolatino, latte e biscotti per la visita notturna. Gregorio gli lascia delle fette di salame…

Prendiamoci cura del tiro da 4, possiamo aiutarlo ad affrontare questo viaggio interminabile?

Ci abbiamo pensato, le renne sono vegetariane, inutile preparare piatti caldi che si raffredderebbero nell’attesa notturna, queste poverine devono star sveglie e far fatica. Allora un dolce! Senza liquore, mi raccomando. Vedi mai che incontrino la pattuglia dei Carabinieri sulla strada. Mi viene in mente il Gelo al Caffè. La ricetta mi è stata data tanti anni fa, da Cettina, una grande cuoca siciliana. Io lo trovo buono, leggero, perfetto per chiudere un pranzo o, in questo caso, dare sostegno per una lunga serata. Si può preparare prima e si conserva in frigorifero per 4 giorni.

gelo al caffe

Lista della spesa per  8 persone
500 ml di caffè
la buccia di 2 limoni, meglio se verdi
200 g di zucchero (quantità che può variare a seconda del gusto)
100 g di frumina
1 caffè per bagnare lo stampo

Lasciare in infusione il caffè con la buccia dei limoni, per far sì che il calore del liquido estragga gli olii essenziali del limone e profumi la bevanda. Zuccherare. Unire a freddo la frumina, stando attendi a sciogliere gli eventuali grumi. Versare tutto in una pentola, andare sul fuoco e, non appena il composto prende il bollore si vedrà che questo cambia densità.

E’ il momento di mescolare energicamente e di versarlo nello stampo preventivamente bagnato con il caffè, prima che si rassodi troppo.  Ideale utilizzare uno stampo di pyrex o silicone. Per lo stampo in alluminio, consiglio di rivestirlo con pellicola trasparente, per  garantire un’estrazione serena J.

Una volta freddo, mettere in frigo, coperto.

A me piace servirlo con panna montata poco zuccherata.

E magari con qualche gelatina di frutta, per dare un tocco di colore.

Paola

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: