Corso di cucina sul ” Quinto Quarto” -Aka Patè di fegatini di coniglio

pate fegatini coniglio

Corso di cucina sul ” Quinto Quarto” -Aka Patè di fegatini di coniglio

Oggi mi chiama Barbara, ha un’impegno e mi chiede di sostituirla. Ci vai? Ma sicuro! Un corso di cucina! Ma scherzi?

Piccolo inciso -Non ne avevo mai fatto un corso di cucina, tranne quello di cucina ladina tenuto in un maso tantissimi anni fa, realizzato direttamente su di una stufa a legna. – Il Trentino offre delle cose meravigliose ai suoi frequentatori.

Il corso al quale ero iscritto era finalizzato all’uso in cucina del “quinto quarto”: in sostanza le frattaglie. Trippe, fegato, cuore, animelle. Devo ammettere: ….la trippa non la mangio e le animelle le evito 😉 … Però avevo preso l’impegno, lo dovevo mantenere e di trippe non è mai morto nessuno.

Arrivo presto, il posto è molto bello. Una cucina professionale allestita all’interno dello spaccio della Fratelli Carli. Ci sono 12 spettatori per ben 7 cuochi e un moderatore in pratica ogni uno di noi ha a disposizione 1/2 insegnante.

corso quinto quarto

corso quinto quarto

Il corso si sviluppa in modo magnifico e gli oratori che si susseguono ai fornelli sono ricchi di spiegazioni e aneddoti. Il menu della serata riportava i seguenti piatti:

Patè di fegatini di coniglio, Salame di trippa con pomodori essiccati e olive, Cuore di vitello scottato con aglio, olio e peperoncino, Perle di trippa in guazzetto di pomodori secchi, Animelle di vitello brasate su risotto mantecato al parmigiano.

Devo dirvi che stringendo un po’ i denti non mi sono tirato indietro e  ho assaggiato tutto, apprezzando, anche se, probabilmente le trippe non mi saranno mai molto simpatiche.

Di tutta la serata vi riporto una sola ricetta che conosco bene ed è quella del patè di fegatini di coniglio.

Patè di fegatini di coniglio

Lista della spesa
300g fegatini di coniglio
300g cipolle bianche
150g burro
10g sale
1 bicchiere Marsala
1 bicchiere vino passito
1 cucchiaino rosmarino tritato
n 15 chicchi di uva passa
Pepe nero

Pulire le cipolle e tagliarle a filangè, metterle in casseruola con il burro e farle appassire per una decina di minuti. Nel frattempo pulire i fegatini e tagliarle a pezzi, unirsi alle cipolle, stufare il tutto per qualche minuto; salare e pepare, unire l’uva passa, il Marsala e il vino passito.

Preriscaldare il forno a 160, mettervi il contenitore dei fegatini coperto con carta stagnola, assicurandovi che sia bene sigillato e cuocere per circa 35/40 minuti.

Togliere dal forno, scoprire e mescolare il tutto, controllare la cottura, il sapore e l’umiditá che non deve essere eccessiva, se necessario rimettere in forno per completare la cottura sempre coperto

A cottura ultimata, passare il composto al mixer o al passaverdura, mescolare bene e sistemare in una terrina o in una ciotolina, porre in frigorifero e lasciare riposare per 12 ore.

Servire con marmellata di cipolle di Tropea o di scalogno e cipolle bianche.

Era buonissimo!

Ha tenuto il corso il Team cuochi Chiapella di Cuneo, è stato un piacere!

Andrea

team cuochi chiapella Cuneo

Annunci

2 risposte a “Corso di cucina sul ” Quinto Quarto” -Aka Patè di fegatini di coniglio

  1. hai visto quanto ci si diverte ai corsi di cucina! il tuo racconto mi dà un paio di assist (che non so quando mettere a canestro) il patè di fegatini di mia mamma è stato un must per anni! però era misto, pollo e coniglio; le trippe della contessa poi…..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...