Bottoni di formaggio ai semi di papavero

bottoni-formaggio-papavero

Bottoni di formaggio ai semi di papavero

E’ venerdì sera, domani ho programmato una giornata fitta fitta di ricette, da preparare, da scrivere, piatti a fotografare e infine da offrire. Ho chiesto ad alcuni amici di prestarsi come giudici severi e insindacabili per il nostro blog. Tra una schermata e l’altra, si mangerà! Il lavoro non sarà poco, voglio portarmi avanti sulla programmazione dei post, delle ricette. Il traguardo è là, sempre più vicino. Un po’ mi spaventa, quindi meglio lavorare, che la testa si sgombra.
attacco con i bottoni di formaggio, per l’aperitivo.
Anziché comprare i salatini dal fornaio o in pasticceria, questa è una ricetta facile e rapida. E al momento di servirli, sembra una magia, scompaiono in un attimo. pensa che crudeltà, è una preparazione che riunisce tutto quello che mi è (per il momento!!) negato: farina e derivati del latte. pazienza, che cosa non si fa per gli ospiti.

Lista della spesa (dose per 40 bottoni)
 Pari quantità di burro, farina, parmigiano grattugiato (se vuoi si può mescolare pecorino insieme al parmigiano, dà un po’ più di gusto).
 Io ho fatto 100 g per tutto.
 Poco sale e pepe.

Impastare tutto velocemente, in una ciotola, come se fosse una pasta frolla.
Avvolgere la pasta con pellicola trasparente e mettere in frigorifero per almeno 30’.
Estrarre la pasta e tagliarla a pezzetti, per farne palline. Intanto, riscaldare il forno.
Farle rotolare in una coppa, in cui sono stati messi abbondanti semi di papavero, in modo da far aderire i semi grigi alla pasta.
Appoggiare sulla placca da forno precedentemente rivestita con un foglio di carta forno imburrata e infarinata.
Cuocere a 180° per circa 40’, fino a quando la casa non profumerà di fragrante frolla al formaggio.

per la cronaca, 2 li ho mangiati pure io, alla faccia del divieto 🙂

bottoni formaggio

Paola

Annunci

4 risposte a “Bottoni di formaggio ai semi di papavero

    • è un pubblico bene educato, che sta in cucna e prepara. quando vado a cena da loro non si servono robe chimiche. ma io per prima adoro le patatine fritte! l’unico problema è trovarle con la giusta dose di sale. conosco un posto…..

  1. Pingback: Composizione di Natale – Tanti Auguri | raccontidicucina·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...